Questo post e disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo Greco Ungherese Turco

Protocollo ottimale di crescita degli agnelli

Nome della soluzione: protocollo ottimale di crescita degli agnelli

Obiettivo: Determinare gli obiettivi prestazionali degli agnelli dalla nascita allo svezzamento al fine di ottenere risultati migliori per gli allevatori durante il periodo di crescita

Descrizione:

Dalla nascita allo svezzamento è un periodo importante nei sistemi di produzione ovina soprattutto per la produzione di carne. La ricerca mostra che le differenze di peso degli agnelli nelle prime 8 settimane e il 70% delle differenze da 3 a 12 settimane determinate dall’assunzione di latte.

L’ottimizzazione della resa allo svezzamento è necessaria per comprendere le dinamiche chiave animale/ambiente. Inoltre, il miglioramento nel periodo pre-svezzamento si riflette in una migliore performance post-svezzamento. Il miglioramento della sopravvivenza e della crescita degli agnelli fino allo svezzamento migliora il peso totale allo svezzamento, che a sua volta è strettamente correlato al peso totale degli agnelli venduti o allevati per la rimonta.

Con questa soluzione speriamo di coprire tutti gli aspetti necessari per una migliore resa dell’agnello durante le prime settimane. Per ottenere ciò, di seguito sono riportati alcuni suggerimenti.

Argomento: Nutrizione

Produzione: Latte / Carne

Categoria animali: Agnelli

Necessità/problema: obiettivi di resa degli agnelli dalla nascita allo svezzamento

Livello della soluzione: Conoscenza

Nazione: Turchia

 

Modalità di applicazione:

Di seguito è riportata una guida per l’assistenza neonatale e la crescita degli agnelli;

  • Trattare il cordone ombelicale entro 15 minuti dalla nascita, assicurarsi che l’agnello possa essere identificato con sua madre, che abbia un buon legame con la madre e che l’agnello sia asciutto.
  • Il latte è essenziale per la sopravvivenza e la crescita degli agnelli nelle prime 3-4 settimane di vita.
  • Verificare che la pecora abbia un adeguato apporto di latte e che l’agnello abbia ingerito una quantità sufficiente di colostro.
  • Il rumine di agnello può essere completamente funzionante a partire da 3 settimane e il consumo di alimenti solidi o concentrati deve essere iniziato a partire dalle 2 settimane di età, da questo momento è possibile una graduale indipendenza dal latte.
  • Il latte è il componente predominante della dieta per lunghi periodi, anche quando potrebbe essere richiesta una “compensazione”.
  • Il concentrato deve contenere al 18-20% di proteine (non meno del 16% di proteine), un basso livello di cellulosa e un alto livello di energia. Quando gli agnelli superano i 25-30 kg, il rapporto proteico può essere ridotto al 14%.
  • Alimentazione “selettiva” con mangimi preparati per agnelli.
  • A seconda dello scopo e del sistema di allevamento, potrebbero essere svezzati tra le 12 e le 14 settimane di età. Lasciare gli agnelli sulle loro madri per troppo tempo può essere controproducente in termini di crescita degli agnelli e condizione corporea della pecora (BCS).
  • La descrizione dell’allevamento degli agnelli per un rendimento migliore è nell’allegato.
Benefici previsti:
  • Aumento del tasso di sopravvivenza postnatale degli agnelli
  • Rapida crescita degli agnelli in breve tempo e svezzamento precoce.
  • Riduzione dei costi di allevamento degli agnelli.
Prerequisiti e/o limiti:
  • Il periodo di crescita dell’agnello richiede più attenzione.
  • L’allevatore deve trascorrere più tempo nella stalla delle pecore.

Questo post e disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo Greco Ungherese Turco