Questo post e disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo Greco Turco

miglior controllo dell'ectima contagioso/orf

Nome della soluzione:miglior controllo dell’ectima contagioso/orf

Obiettivo: implementare un piano di vaccinazione e abbattere portatori cronici per controllare l’ectima/orf contagioso

Descrizione:
combinazione di più misure per garantire l’efficienza di una strategia

Modalità di applicazione:

Vaccinazione:
Obiettivo: stimolare l’immunità attiva delle pecore per limitare l’espressione clinica e la trasmissione della malattia all’agnello; stimolare l’immunità attiva degli agnelli.

Il vaccino (Ecthybel®) viene iniettato per via sottocutanea (1 dose da 1 ml) o intradermica (con Dermojet: 1 dose da 0,2 ml). L’inoculazione intradermica è il metodo preferito in quanto offre tassi di recupero più rapidi. Esistono diverse strategie di vaccinazione.

  • • Vaccinazione preventiva: le pecore vengono vaccinate 3-4 settimane prima del parto. La successiva immunità acquisita è di breve durata e le possibilità di trasmetterla attraverso gli anticorpi colostrali sono basse.
  • accinazione terapeutica: non appena compaiono i primi sintomi (non aspettare un focolaio):
    • Vaccinazione di tutte le pecore. Può essere necessaria una seconda iniezione se i sintomi non si riducono (10 giorni dopo la prima iniezione). Le dosi di richiamo devono essere iniettate ogni mese e mezzo (almeno ogni due mesi) durante i periodi di rischio.
    • Agnelli nati da femmine non vaccinate: vaccinazione appena compiono 15 giorni

    L’immunità indotta dal vaccino è di breve durata (da 1 a 2 mesi), motivo per cui sono necessarie dosi annuali di richiamo ogni 1/2 mesi o 2 mesi durante i periodi di rischio. L’esistenza di diversi ceppi virali causa un problema per la risposta immunitaria al vaccino, in quanto non è efficiente al 100% su tutti (di questi) ceppi.

    Abbattimento delle pecore
    Obiettivi: rimozione dei portatori cronici

    Attuazione: le pecore che soffrono di lesioni o cicatrici persistenti legate all’ectima, specialmente sulle mammelle, dovrebbero ricevere un segno distintivo, prima di essere isolate e abbattute. Non rimetterli in gruppo per la riproduzione

    Il controllo dell’ectima richiede anche misure profilattiche di controllo sanitario

  • Disinfezione annuale dell’ovile,
  • Disinfezione del materiale della lettiera (spargimento di perfosfati),
  • Al fine di ridurre le lesioni orali tra gli agnelli, rimuovere le piante spinose (cardi, rami) contenute nel cibo che potrebbero danneggiarli: questo è spesso il primo punto di ingresso del virus.
  • Rispetto delle norme esterne ed interne relative alla biosicurezza (quarantena durante l’introduzione, disinfezione dell’allevamento e tosatura)

Argomento: Sanità

Produzione: Latte / Carne

Categoria animali: Adulte / Agnelli

Necessità/problema: Piaghe e vesciche su labbra, naso, orecchie e/o palpebre – (es. Echtyma, Orf…)

Livello della soluzione: Pratica

Nazione: Francia

 

 

 

 

 

Benefici attesi

Ridurre al minimo le perdite dovute all’ectima contagioso tra gli agnelli e le forme mammarie della malattia tra le pecore.

Prerequisiti e/o limiti:

Il programma di vaccinazione deve essere seguito rigorosamente

Questo post e disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo Greco Turco