Questo post e disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo Greco Ungherese Turco

edifici ben ventilati

Nome della soluzione: edifici ben ventilati

Obiettivo: L’atmosfera nell’edificio dipende dal sistema di ventilazione. Questo fattore ha un impatto sulle prestazioni del gregge e sui problemi di salute.

Descrizione:
Il sistema di ventilazione della stalla è legato a tre fattori:
– controllo della temperatura
– rimozione dell’umidità
– evacuazione dei gas

Quando controllati, questi fattori consentono migliori prestazioni degli animali, il mantenimento di una buona immunità animale e aiutano a evitare gravi problemi di salute (polmonite, coccidiosi, ecc.). L’aria nella stalla deve circolare e rinnovarsi evitando “spifferi”. La stalla può essere ventilata in due modi: per effetto termico, detto ventilazione statica, oppure per ventilazione meccanica con estrattori.

La ventilazione degli edifici deve essere considerata per tutte le stagioni. Ogni anno durante l’estate i picchi di temperatura diventano sempre più frequenti. Per mantenere una temperatura confortevole per gli animali e il personale nella stalla durante le ondate di calore, gli edifici devono essere adattati in modo conveniente. Ridurre l’irraggiamento solare e favorire la ventilazione naturale con edifici molto aperti sono possibilità interessanti.

Modalità di applicazione:
Puoi usare due sistemi:

Ventilazione statica

L’aria esterna entra naturalmente nell’edificio, si riscalda a contatto con gli animali, sale verso il colmo aperto del tetto generando un effetto camino e convogliando l’umidità e l’aria carica di gas verso l’esterno. Ciò completerà l’effetto di ventilazione del vento.

Questo fenomeno di riscaldamento è accentuato quando l’edificio è coibentato sotto il tetto.

 

Per un edificio permanente di <18m di larghezza

ventilazione

1) Le prese d’aria sono situate sui pannelli lunghi, a più di 2 m da terra Vengono utilizzati tre sistemi: una rete frangivento, un rivestimento traforato e un rivestimento sfalsato

2) L’aria fuoriesce dal colmo aperto sulla lunghezza dell’edificio, a parte il primo sul frontone che sarà chiuso. Se possibile, prevedere un’apertura da 5 a 10 cm con una cresta frangivento.

Reti frangivento
C’è una vasta gamma di reti frangivento. La rete necessita di essere montata e adattata in funzione della superficie da rivestire (porosità, luminosità) e della sua manovrabilità (removibile, arrotolabile, fissa). In tutti i casi e per prevenire l’intasamento, è necessario pulirlo regolarmente.

Rivestimento in legno traforato
Questo è riservato alle zone di pianura e di altitudine fino a 500 m di altitudine.
Per garantire una buona durata, si consiglia di proteggere il legno utilizzato per il rivestimento traforato, sia prima (legno trattato in autoclave) che dopo la posa.

Rivestimento sfalsato
La parte traslucida della sommità del tratto lungo (spesso 1 m) deve scendere sul rivestimento di almeno 40 cm in modo da dirigere l’aria verso il colmo ed evitare che il vento entri direttamente nella stalla. La risega dovrebbe essere da 5 a 10 cm, con la possibilità di regolare la presa d’aria con un sistema a tavole snodate.

Il caso particolare dei tunnel.
Per le gallerie ci sono casi diversi a seconda della loro lunghezza

– Tunnel < 25 m di lunghezza
La ventilazione può essere regolata da una rete frangivento sulla mezzaluna del timpano superiore, a condizione che il tunnel sia orientato verso i venti prevalenti e presenti una piccola pendenza lungo la sua lunghezza. In caso contrario utilizzare il metodo per tunnel > 25 m.

– tunnel da 25 m a 35 m
Fornire una presa d’aria attraverso i timpani con un telaio girevole regolabile su ciascun timpano. L’aria esce tramite lucernari regolabili. La lunghezza totale dei lucernari dovrebbe essere almeno il 25% della lunghezza del tunnel.

– Tunnel > 35 m

Necessaria ventilazione meccanica con estrattori sul colmo.

Ventilazione meccanica
Per mantenere la temperatura desiderata, la ventilazione meccanica con estrattori d’aria è dotata di un termoregolatore. All’aumentare della temperatura, aumenta la portata degli estrattori. Pertanto, senza presa d’aria, l’edificio è effettivamente ermetico. Gli estrattori d’aria sono utilizzati in vecchi edifici, gallerie lunghe e edifici di larghezza > 18 m. In alcuni casi, solo la ventilazione dinamica può fornire un ambiente soddisfacente. Questo è il caso dei sistemi di chiatte con fieno immagazzinato sopra gli animali. Questo sistema viene utilizzato anche negli allevamenti di agnelli, in quanto questa categoria di animali è particolarmente sensibile ai fattori patogeni, e quindi alle condizioni di temperatura e umidità.

Shelt-air, l’app che aggiunge atmosfera all’edificio!
Shelt-air è uno strumento di supporto decisionale che consente di dimensionare le aperture di ventilazione in pochi clic. Shelt-air si basa sulle ultime raccomandazioniper la ventilazione naturale degli edifici per vacche, pecore, capre e cavalli. Shelt-air è disponibile come edizione onlinee comeapp per smartphone

Per maggiori informazioni: www.shelt-air.com. Presentazione Video: https://vimeo.com/497185541

Argomento: Sanità / Gestione

Produzione: carne e latte

Categoria animali: pecore / rimonta / agnelli

Necessità/problema: Gestione della stalla per le pecore (ad es. ventilazione, temperatura, spazio/pecora,…). Problemi respiratori (ad es. polmonite, tosse, rumore respiratorio, ecc.)

Livello della soluzione: : Pratica

Nazione: Francia

 

 

 

 

 

Benefici previsti:

I germi amano le alte temperature e l’umidità. L’obiettivo è garantire che questi due criteri siano il più possibile simili all’interno e all’esterno dell’edificio.

Questo post e disponibile anche in: Inglese Francese Spagnolo Greco Ungherese Turco